FESTIVAL TEATRO CANZONE GIORGIO GABER

CITTADELLA di VIAREGGIO

    

Domenica 25

 

 "Artisti del Teatro Canzone"
  Giampiero Mancini 

   Davide Giandrini

  

 "Ospiti per Giorgio Gaber"
  Luciano Ligabue

  Enzo Jannacci 

  

Giampiero Mancini il primo degli artisti del teatro canzone a salire sul palco, un vero attore, un vero cantante.... 

 

Davide Giandrini, giovanissimo, ma sicuramente all'altezza del

grande palcoscenico cattura il pubblico con la sua

comicità originale e con i suoi spunti di riflessione

 

Il terzo artista a sorpresa ,così annunciato da Iacchetti,

è un giovane e bravissimo ragazzo svizzero............

questo pazza Iacchetti esce e rientra dal palco

esibendosi in una canzone che fa morir da ridere......

  

     I musicisti di Giorgio Gaber rendono un omaggio al

mitico dottore

 

Luciano Ligabue l'ospite della serata in un'intervista unica e sensazionale con Curzio Maltese dove il cantautore ha raccontato che cosa rappresenta l'opera di Gaber/Luporini nella sua vita e nella sua arte

    

"Qualcuno era comunista " di Giorgio Gaber & Sandro Luporini
(da "E pensare che c'era il pensiero",1995) 

viene interpretata da Luciano Ligabue

 

.............Qualcuno era comunista perché si sentiva solo.
Qualcuno era comunista perché aveva avuto un'educazione troppo cattolica.
Qualcuno era comunista perché il cinema lo esigeva, il teatro lo esigeva,la pittura lo esigeva, la letteratura anche: lo esigevano tutti.
Qualcuno era comunista perché glielo avevano detto.
Qualcuno era comunista perché non gli avevano detto tutto.
Qualcuno era comunista perché prima (prima, prima...) era fascista

Qualcuno era comunista perché Berlinguer era una brava persona.
Qualcuno era comunista perché Andreotti non era una brava persona...
Qualcuno era comunista perché era ricco, ma amava il popolo...

Qualcuno era comunista perché abbiamo avuto il peggiore partito socialista d'Europa!
Qualcuno era comunista perché lo Stato, peggio che da noi,solo l'Uganda...
Qualcuno era comunista perché non ne poteva più di quarant'anni di governi democristiani incapaci e mafiosi.
Qualcuno era comunista perché Piazza Fontana, Brescia, la stazione di Bologna, l'Italicus, Ustica, eccetera, eccetera, eccetera!...
Qualcuno era comunista perché chi era contro, era comunista!
Qualcuno era comunista perché non sopportava più quella cosa sporca che ci ostiniamo a chiamare democrazia!............

 

    

Alla fine dello spettacolo il pubblico tutto in piedi ringrazia il mitico Ligabue ,che forse doveva dare di più, magari con un paio di sue canzoni

    

Andrea Rivera, romano, classe 1971, si è aggiudicato la “menzione speciale” del primo Festival Teatro Canzone Giorgio Gaber 

 

Ecco la motivazione del Comitato di Garanzia - composto oltre che da Sandro Luporini, Presidente onorario del Festival, da Massimo Bernardini, Luca Doninelli, Curzio Maltese, Franscesco Alberoni, Sergio Escobar,.Giampiero Solari, Claudio Ferrante, Andrea Tagliasacchi, Ferruccio De Bortoli, Franco Migliacci, Stefano Senardi - chiamato ad esprimere una valutazione artistica sui testi, gli interpreti, sulla originalità e sulla identità del genere Teatro Canzone.

   

Enzino Iacchetti, al centro il Maestro Franco Migliacci, Presidente della Siae e, a destra Sandro Luporini Maestro Migliacci che premia con "L'albero della creatività" ( il premio Siae più prestigioso) il grande Sandro Luporini

  

E per finire il bravissimo Iannacci a conclusione di un festival 

dal successo inaspettato

  

Foto di proprietà di Viareggino.it

-vietata la riproduzione e l'utilizzo se non autorizzata-

 

(C) Tutti i diritti riservati Viareggino.it